«25° della nascita della sezione Ticino: viva il PS!» newsSocialiste – n°36, 23 ottobre 2017

Uno stimolo per un punto di partenza

Come avete notato, questo numero di newsSocialiste esce un lunedì, invece di venerdì. Come mai? Il lunedì è il giorno in cui abbiamo fatto il bilancio della settimana passata e del finesettimana. Ricominciamo, guardando avanti. Qual miglior giorno per avere delle notizie, riflettere, lanciare delle nuove idee sulla base di quanto successo?

A volte basta poco, per guardare quanto succede con un nuovo spirito e per guardare alle cose con uno sguardo diverso da una nuova prospettiva.
Non è un cambiamento epocale, ma un piccolo cambiamento: un nuovo punto di partenza. La newsletter uscirà quindi di lunedì, secondo questo spirito e con le energie rinnovate durante il fine settimana, utili per guardare avanti e in questo caso alla settimana che verrà. Così, invece di occupare pensieri e risorse che guardano alla chiusura della settimana, potremo farlo guardando davanti a noi.

Ci auguriamo che accogliate questo cambiamento secondo questo stesso spirito e che possiamo rilanciare insieme anche questo modo di rimanere in contatto. La sezione ticinese del PS ha appena festeggiato 25 anni, la ricorrenza da quando il Congresso di fondazione si riunì, decidendo di unire il partito. Quale miglior momento, se non questo, per accogliere questo stimolo e introdurre un piccolo cambiamento che ci invita a guardare avanti?

Un bellissimo fine settimana di formazione e compagnia

62816721-2ff6-4668-872c-1804073a80fb

Il bilancio del fine settimana di compagnia e formazione co-organizzato dalla GISO e dal PS, in particolare da Laura Riget e Marina Carobbio, è molto positivo. Il fine settimana ha avuto luogo nella casa centrale della Cooperativa Tempo Libero dei Lavoratori (CTLL) che gestisce più case a Largario, che accolgono soci e amici per delle vacanze in un luogo incantevole, a dei prezzi contenuti. Una cooperativa voluta e fondata col concorso della sezione PS di Balerna e da Pierino Valsangiacomo.

Il fine settimana ha riunito più generazioni, in un ambiente in cui sono coesistiti dei momenti di formazione e di condivisione. Un’ottima idea e delle formazioni interessanti che hanno spaziato dalla migrazione con un’interessante relazione di Mario Amato del SOS Ticino, alla bellissima formazione dello storico Gabriele Rossi sullo sciopero generale del 1918, a un atelier di David Marín sulla comunicazione in politica, sul femminismo con Lisa Boscolo o l’utilizzo delle reti sociali con Marco Battaglia.
Formazioni seguite con particolare attività e interesse che sono state dei momenti di scambio e vedute, sempre molto apprezzate.

E poi dei pasti in comune, delle canzoni e delle esperienze condivise che hanno disegnato una bella e intensa esperienza. Sicuramente da ripetere!

Resoconto Comitato cantonale del 18 ottobre: congelata la “Riforma fiscale e sociale”

8379d822-5812-4f24-ba2b-af02e8b3625c

25. della sezione ticinese del PS
Il Comitato cantonale si è aperto con il discorso del presidente del Partito Igor Righini, il quale ha ricordato la ricorrenza del 25esimo della nascita della sezione ticinese del Partito Socialista, nata dall’unione del PSA e del PST. Era infatti il 18 ottobre 1992 quando il Congresso fece nascere il PS così com’è oggi: un’idea portata avanti con convinzione da compagne e compagne animati da un forte spirito d’unione e condivisione.

La riforma fiscale e sociale: il messaggio del Consiglio di Stato
“La riforma fiscale e sociale”, oggetto del messaggio del Consiglio di Stato dello scorso 15 settembre, è stata il soggetto principale di un approfondito dibattito e delle decisioni prese dal Comitato. La riforma, contraddistinta dal fatto che lega due riforme tra di esse, in ambito fiscale l’una e relativa alla politica sociale la seconda. Il messaggio del Consiglio di Stato prevede che facciano parte di un solo pacchetto, di cui non è possibile accettare una riforma respingendone un’altra.

Votata la proposta della Direzione: congelato il pacchetto
La Direzione del PS ha presentato una risoluzione riguardo al pacchetto “Riforma fiscale e sociale”, con la quale ha chiesto al Comitato di decidere in merito alla linea politica da adottare. Una risoluzione con cui la Direzione ha chiesto al Comitato cantonale di adottare una linea politica: una decisione articolata, composta da tre punti:

  1. La “Riforma cantonale fiscale e sociale” va congelata in attesa che si chiarisca quella federale e venga illustrato nel dettaglio il preannunciato secondo pacchetto di Riforma fiscale cantonale.
  2. La “Riforma cantonale fiscale e sociale” va presentata alla luce delle riforme in atto sul piano federale differenziando, separandole, le misure sociali da quelle fiscali in due pacchetti. La riforma non può essere esaminata in un pacchetto unico attraverso il concetto del dare per avere: la parte fiscale va separata da quella sociale in modo che ognuno possa decidere liberamente sulle misure proposte senza alcun condizionamento di sorta.
  3. Nel caso in cui questo Messaggio, oppure una sua variante poco distante nella forma come nella sostanza, dovesse ricevere l’approvazione del Gran Consiglio, la direzione del PS è autorizzata a partecipare ai lavori di un preannunciato comitato Referendario. Al Comitato Cantonale del PS conformemente allo Statuto spetterà poi la decisione sull’adesione formale.

Un intenso dibattito politico di fondo
La “Riforma fiscale e sociale” ha dato luogo a un intenso e interessante dibattito in cui si sono espressi più punti di vista. Da un lato più voci hanno sostenuto il principio della negoziazione al fine di ottenere una migliore riforma sociale, attraverso un lavoro di miglioramento. Questo benché dall’altro la riforma preveda un unico pacchetto, per cui la “Riforma fiscale e sociale”, allo stato attuale, va accettata o respinta in blocco. Ed appunto la clausola ghigliottina che ha generato i punti di vista più critici e che è stata il motivo della proposta di congelare il pacchetto, di scorporarlo e di partecipare ai lavori di referendum in caso d’accettazione del pacchetto.

Votazione: il Comitato ha accettato la risoluzione della Direzione
Il Comitato cantonale ha deciso di accettare la risoluzione della Direzione riguardo alla “Riforma fiscale e sociale” con 31 voti favorevoli, 21 contrari e 4 astenuti. Il Comitato cantonale ha perciò deciso di adottare la linea politica proposta dalla Direzione.

Raoul Ghisletta annuncia il lancio di un referendum contro la decisione del Comitato cantonale

d566e9e8-9fe6-49a4-a599-7de5db26565e (2)

Il Deputato PS al Gran Consiglio Raoul Ghisletta ha annunciato il lancio di un referendum in seno al Partito, che coinvolge quindi tutte le iscritte e gli iscritti, per contestare la decisione del Comitato cantonale – votata lo scorso 18 ottobre – di adottare la risoluzione della Direzione e la linea politica proposta dalla Direzione sulla “Riforma fiscale e sociale” con 31 voti a favore, 21 contrari e 4 astensioni. Il referendum è possibile in virtù dello Statuto del PS, il quale indica:

Art. 16 – Referendum 1Tutte le decisioni congressuali, ad esclusione delle elezioni e designazioni, possono essere sottoposte al voto di tutti gli iscritti al PS su richiesta di almeno un quinto del totale di questi ultimi.  2La domanda deve essere presentata per iscritto entro 30 giorni dalla decisione che si intende sottoporre al giudizio degli iscritti alla Direzione che organizza la consultazione mediante voto espresso per scheda nei tempi e nei modi fissati per regolamento dal Comitato Cantonale. 3Se richiesto, la Direzione invia a tutti gli iscritti l’invito a sottoscrivere la domanda di referendum a spese dei promotori

Art. 25 – Referendum 1Alle risoluzioni del Comitato Cantonale, escluse nomine e designazioni, è applicabile per analogia la procedura di referendum di cui all’art. 16 del presente statuto.

La Direzione informerà le iscritte e gli iscritti riguardo all’organizzazione alla procedura relativa a questa domanda di referendum.

Iniziativa “99%” continua la raccolta firme!

92446a39-fee2-42f8-9f66-31a604283357

Ieri il Consiglio federale ha posto in consultazione una revisione della Legge federale sull’utilizzazione delle forze idriche con cui propone la riduzione da 110 franchi a 80 franchi per chilowatt lordo canone massimo annuo, per il periodo dal 2020 al 2022.
Una decisione che toccherà i cantoni di montagna, tra cui il Ticino con cui non siamo d’accordo. Siamo contrari alla riduzione e alla “flessibilizzazione” dei canoni d’acqua: Le difficoltà del settore idroelettrico si risolvono portando avanti la strategia energetica e non risanando sulle spalle dei cantoni di montagna le società elettriche, in difficoltà per gli investimenti sul nucleare. Aderiamo a quanto espresso, in un comunicato, dai Cantoni di montagna :

«Con la proposta riduzione del canone per i diritti d’acqua, il Consiglio federale parte dal presupposto che i problemi di redditività di parte delle società idroelettriche siano apparentemente causati dal canone per i diritti d’acqua. Non è così! La distorsione del mercato elettrico è, in effetti, la conseguenza di decisioni errate nella politica elettrica interna ed internazionale. È del tutto inappropriato che l’idroelettrico svizzero, pulito e rinnovabile, non sia più redditizio sul mercato elettrico a causa di ingenti sovvenzioni ad altri vettori energetici, di un forte protezionismo e della mancanza di volontà nell’adottare una politica efficace in materia di CO2. Si tratta quindi in primo luogo di correggere queste decisioni sbagliate. In seguito si dovrà verificare in che misura siano ancora motivate le riduzioni del canone per i diritti d’acqua.

La versione della newsletter in pdf

dbb5f746-65af-4670-ba10-2d9595de179b (2)

clicca >>> leggi, scarica, stampa newsSocialiste n°36 – 23 ottobre 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...