PS Informa numero 35, 14 ottobre 2016

referendum

Referendum: priorità alla raccolta delle firme

La raccolta delle firme per i referendum lanciati e sostenuti dal Partito Socialista continua ed è entrata in una fase cruciale. Raccogliere le firme necessarie è fondamentale ed è una priorità per il Partito. Per raggiungere quest’obiettivo è dunque richiesto l’impegno di chiunque intenda opporsi allo smantellamento dello Stato sociale, operato con i tagli previsti dalla “manovra di rientro”.

Gli argomenti e i formulari dei referendum “No allo smantellamento dello Stato sociale!” da scaricare, stampare, firmare e fare firmare:

E’ prevista la riduzione dei giudici dei provvedimenti coercitivi da 4 a 3. Questa decisione rischia di pregiudicare la qualità del nostro sistema giudiziario.

E’ stato deciso il contributo da parte degli utenti alle prestazioni dei servizi di assistenza e cura a domicilio. Questa misura penalizzerà i più deboli nell’accesso a queste prestazioni, soprattutto le persone sole e gli anziani.

La “manovra di rientro” prevede di abbassare la soglia Laps, il limite oltre il quale non si ha più diritto agli aiuti in politica famigliare. La conseguenza è la riduzione degli assegni prima infanzia, degli assegni famigliari integrativi e dei sussidi cassa malattia.

diesel_inquinamento

Impatto dell’inquinamento dell’aria sulla salute: insoddisfacente risposta del Consiglio di Stato

l Partito Socialista non può ritenersi soddisfatto dalla risposta del Consiglio di Stato all’interrogazione parlamentare sull’impatto dell’inquinamento atmosferico, inoltrata dal
Gruppo del PS in Gran Consiglio. La conclusione della risposta afferma che «i dati attuali e le tendenze in atto permettono di supporre che le conseguenze per la popolazione siano presenti ma da ritenersi molto contenute».
Questo tipo di affermazione equivale, secondo il PS  Ticino, a banalizzare un problema reale le cui conseguenze pesano sulla salute e sulla vita degli abitanti del Cantone, in particolare nel Mendrisiotto.

Il comunicato stampa

Attuazione di “Prima i nostri”: una commissione presieduta dagli iniziativisti

Che “Prima i nostri” fosse inapplicabile, il PS Ticino l’ha affermato sin dal lancio dell’iniziativa. La riunione di lunedì 10 ottobre tra iniziativisti, Consiglio di Stato, Ufficio presidenziale del Gran Consiglio e capigruppo non ha portato ad alcun risultato.
Il Partito Socialista auspica che venga formata una Commissione del Gran Consiglio composta da rappresentanti dei Gruppi parlamentari e presieduta da un sostenitore dell’iniziativa, in modo che i partiti che hanno promosso e sostenuto “Prima i nostri” possano dirigere i lavori e contare sulla maggioranza in commissione affinché possano votare ed essere ritenuti responsabili della proposta di un testo d’applicazione che, al contrario del Partito socialista, ritengono fattibile.

Comitato Cantonale: Congresso del PSS, democratizzazione dell’economia e Sì all’abbandono del nucleare

Mercoledì sera, in Casa del Popolo a Bellinzona, si è tenuto il Comitato Cantonale del PS.
 
Marina Carobbio Guscetti, Consigliera nazionale e Vicepresidente del PSS, ha presentato il Congresso del PSS che si terrà a Thun il 3-4 dicembre 2016. In vista del Congresso, il PS Ticino sta preparando due emendamenti riguardo alle misure “Partecipazione” e “Servizio pubblico” che verranno presto presentati sul sito internet del PS Ticino.
L’ultimo termine per iscriversi al Congresso è il 20 ottobre 2016.

Andrea Ghisletta ha presentato il documento del PSS sulla democratizzazione dell’economia: una riflessione sull’economia attuale, le disparità sociali che provoca e delle proposte perché una mutazione della stessa possa essere messa in atto, implicando maggiormente i lavoratori in seno agli organi decisionali delle aziende.
 
E’ stato votato il sostegno all’iniziativa per l’uscita dal nucleare, presentata dal Presidente del Comitato Cantonale Evaristo Roncelli, che ha lo scopo di vietare la costruzione di nuove centrali nucleari in Svizzera e limitare il periodo di attività di quelle esistenti.

Infine Igor Righini, il Presidente del PS Ticino, ha presentato David Marín, a cui il Partito Socialista ha affidato la responsabilità della comunicazione del Partito e che ha presentato alcuni tratti del progetto per una  “comunicazione decisa, attiva e propositiva”.

 

locandina_ttip.pngConferenza organizzata dalla GISO

Il prossimo 4 novembre si terrà a Lugano la conferenza “TTIP – CESA – TISA”, organizzata dalla GISO – Gioventù socialista Ticino, che valuterà quali implicazioni ci potrebbero essere per la Svizzera se questi accordi venissero conclusi.

Entrata gratuita, ore 20.15, sala E del Palazzo dei Congressi di Lugano.