PS Informa numero 21, 2 giugno 2016

e18c3d1e-d6b8-41d6-b4e0-1d56379b794a

Ultimi giorni per votare

I temi in votazione sono ben nove, fra cantonali e federali. Quelli più sentiti sono la relazione fra la sanità pubblica e quella privata, il servizio pubblico, l’asilo, l’ambiente, i trasporti, la scuola.

Per quanto riguarda la privatizzazione della sanità, il Partito Socialista è l’unico, fra quelli di governo, a essersi opposto con fermezza per difendere un servizio pubblico efficiente e cure sanitarie di alta qualità per tutti. La Legge sull’EOC va in direzione di una privatizzazione di alcuni reparti ospedalieri, verosimilmente quelli più redditizi, indebolendo il settore privato. Il quale in Ticino già copre il 40% dell’offerta ospedaliera, a fronte del 20% della media nazionale. Non solo: la pianificazione ridurrà l’offerta sanitaria nelle zone discoste, provocando una perdita di competenze in alcuni nosocomi e una maggior difficoltà nel reperimento di personale di qualità. L’EOC ne uscirà ridimensionato e, d’altro canto, non ci sarà riduzione dei costi, anche perché peraltro c’è il rischio di una sovramedicalizzazione negli ambiti più redditizi per la sanità privata. Invece noi vogliamo che il servizio pubblico continui a offrire prestazioni che rispettino delle condizioni di qualità, efficacia ed economicità, uguali per tutti senza distinzioni.

Associata alla qualità della sanità è anche l’iniziativa “Giù le mani dagli ospedali”, che chiede che una serie di prestazioni e di reparti sia garantita dall’Ente ospedaliero cantonale e che siano disponibili cure ambulatoriali di qualità in modo permanente. Tutto ciò indipendentemente da quali siano in futuro le decisioni sulla pianificazione ospedaliera.

Sulla tassa di collegamento, che andrà a parziale copertura dei costi del trasporto pubblico ed è un tassello fondamentale di una politica più ampia destinata a risolvere il problema dell’intasamento stradale nelle ore di punta, ribadiamo che a pagarla saranno i grandi generatori di traffico, non chi lavora e/o consuma. In questo modo incentiveranno il carpooling e la mobilità aziendale, si consentirà al Dipartimento del territorio di avere una visione chiara della situazione nel Cantone, si ridurrà l’inquinamento. Un problema grave specie nel Mendrisiotto, la regione svizzera che registra il tasso più elevato di polveri fini e di ozono, che vanno a danneggiare la salute soprattutto degli anziani, dei bambini e più in generale delle persone che già soffrono di sindromi respiratori.

Infine, la nuova Legge sull’asilo è una risposta efficace all’emergenza mondiale che tocca anche il nostro Paese: le migrazioni provocate da guerre, persecuzioni, fame. La Legge ha lo scopo di rendere meno attrattivo il nostro Paese accelerando la procedura: un cambiamento che, peraltro, ridurrà il periodo di incertezza dei richiedenti, che, in caso di accettazione, potranno cominciare in anticipo il proprio processo di integrazione. Dal 2014 a Zurigo è stato aperto un centro per testare il nuovo sistema, con risultati positivi: in effetti la nuova procedura è più rapida e veloce e porta a meno ricorsi al Tribunale amministrativo federale.

Per un’informazione più completa sui temi in votazione il 5 giugno, il Partito Socialista propone l’argomentario delle proprie indicazioni di voto con l’edizione speciale di Infovotazioni.

In breve, le indicazioni di voto sono le seguenti:

  1. per la modifica della legge sull’Ente Ospedaliero Cantonale, No,
  2. per l’iniziativa popolare “Giù le mani dagli ospedali”, Sì,
  3. per la modifica della legge sui trasporti pubblici, Sì,
  4. per l’iniziativa popolare “Rafforziamo la Scuola Media – Per il futuro dei nostri giovani”, Sì,
  5. per l’iniziativa popolare “A favore del servizio pubblico”, No,
  6. per l’iniziativa popolare “Per un equo finanziamento dei trasporti”, No,
  7. per la modifica della legge sull’asilo, Sì,
  8. per la procreazione con assistenza medica, Libertà di voto
  9. per il reddito di base incondizionato, Sì

No alle privatizzazioni nel settore sanitario

Sì alla revisione della legge sull’asilo

Infovotazioni


Incontro alla Casa del Popolo

Abbiamo organizzato un incontro per discutere dell’esito del voto. Domenica il comitato che ha lanciato il referendum contro la Legge sull’EOC e a favore dell’iniziativa “Giù le mani dagli ospedali” ha organizzato un incontro a partire dalle 14 presso la Casa del Popolo a Bellinzona. Vi invitiamo a partecipare per attendere i risultati di queste ma anche delle altre votazioni. Come sempre, sarà un momento per confrontarsi, parlare di politica (ma non solo), fare il punto della situazione, sognare e anche (certo!) progettare un mondo migliore.


alptransit

AlpTransit: un’occasione storica

Questa settimana abbiamo assistito all’inaugurazione di AlpTransit: un momento che rimarrà nella storia del nostro Paese. Quest’opera immane è costata non solo decine di miliardi ma anche vite umane, sacrifici, risorse di decine di migliaia di persone, alle quali va il nostro pensiero riconoscente. Tuttavia AlpTransit non è solo un risultato straordinario dell’ingegneria e della scienza: è anche un’occasione importante per ripensare in modo radicale il trasporto e alcuni aspetti della nostra società, per renderla più sostenibile e compatibile con le esigenze delle persone e dell’ambiente. In particolare, la nuova galleria rappresenta uno strumento indispensabile per portare a compimento il trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia, rendendo così più sicure e meno congestionate le strade, a tutto beneficio della qualità di vita. Un trasferimento che noi ci impegneremo a veder realizzato nei prossimi anni.


bsi

BSI: attenzione ai livelli cantonale e federale

Lo scandalo della BSI, che ha messo a rischio decine di posti di lavoro e di riflesso ha danneggiato la reputazione della piazza finanziaria ticinese, è stata oggetto della nostra attenzione a tutti i livelli istituzionali. Anzitutto, come avevamo comunicato, la settimana scorsa con un’interrogazione del Gruppo socialista in Gran Consiglio. Poi, proprio questa settimana, con un’interpellanza della nostra consigliera nazionale Marina Carobbio Guscetti, che chiede al Consiglio federale una risposta politica ai numerosi interrogativi sollevati dalla vicenda. La vicenda della BSI è forse indizio di un problema più ampio e diffuso nella piazza finanziaria ticinese? Che cosa ha fatto e che cosa sta facendo la FINMA? Come intende agire il Governo per ristabilire la reputazione della piazza finanziaria ticinese e proteggere l’occupazione? E ancora: il Consiglio federale intende agire per ottenere dai responsabili la restituzione dei bonus?


festadelceneri

Festa del Ceneri

Come ogni anno, il mese di giugno vede l’organizzazione della Festa del Ceneri, che domenica 12 giugno, a partire dalle 11, si svolgerà con qualsiasi tempo presso il Grotto del Ceneri e che vedrà la partecipazione del presidente del PS Ticino Igor Righini, della consigliera nazionale grigionese Silvia Semadeni e della giovane militante socialista Lisa Boscolo. Seguiranno il pranzo e l’intrattenimento musicale di Raissa Aviles (voce), Max Frapolli (chitarra) e Pedro Martinez Maestre (contrabbasso).

La locandina

Il sito degli Amici del Ceneri


Raccolte firme

Mentre la campagna di voto si avvia alla conclusione, nuove sfide si profilano all’orizzonte. Infatti sono ben quattro le raccolte di firme lanciate o sostenute dal Partito Socialista: l’iniziativa per la trasparenza, l’iniziativa sull’alloggio, l’iniziativa per il congedo paternità, il referendum contro lo Stato spione. Per tutte e quattro si può firmare on line: i link sono disponibili in homepage del Partito Socialista (http://www.ps-ticino.ch/). Di fronte a una politica nazionale sbilanciata a Destra, che mette a repentaglio tante conquiste sociali e rifiuta di accoglierne altre nuove, è importante sfruttare tutti gli strumenti messi a disposizione dalla democrazia diretta. Perciò firmiamo e facciamo firmare.