Lavoro? Quale lavoro?

lavoratore

RSI: 49 posti di lavoro cancellati, fra prepensionamenti, mancate sostituzioni, veri e propri licenziamenti. Con il danno facile da immaginare, per la qualità dell’informazione che il servizio pubblico dovrebbe garantire. Crai: 10 licenziamenti, sventati in extremis grazie alla reazione e alla solidarietà di chi lavora e dei sindacati. Ma cosa sta succedendo al mercato del lavoro ticinese?

Noi lo diciamo da anni: quando gli argomenti finanziari predominano su ogni altra considerazione, a farne le spese sono la dignità del lavoro e la qualità dei prodotti e dei servizi. La soluzione possibile è una sola: rimettere al centro dell’interesse le persone al posto del denaro.

Il comunicato stampa