Campagna per le elezioni federali: che siano le persone a decidere, non i soldi!

Anche la sezione ticinese del PSS partecipa a un progetto di coinvolgimento della base. Un progetto sul quale si lavora già da mesi in tutta la Svizzera e che il PSS ha voluto introdurre in vista del prossimo appuntamento elettorale, che sarà decisivo per gli equilibri politici nel nostro Paese.

In Ticino sono stati visitati fino a oggi 35 presidenti sezionali e numerose sezioni, con l’intento di cercare il contatto diretto con la base e il loro personale impegno per una Svizzera dal volto più umano, più solidale, più sociale e, infine, più ottimista. L’obiettivo finale è quello di arrivare a poter organizzare, in tutta la Svizzera, tre sabati di mobilitazione telefonica: 10 mila militanti nostri che chiamano 100 mila persone a noi vicine, nostri amici e simpatizzanti, per ricordare loro l’importanza del voto. Questi eventi di mobilitazione telefonica saranno decentrati. In Ticino si pensa di organizzarli nelle cinque regioni (Mendrisiotto, Luganese, Bellinzonese, Locarnese e Tre Valli), le date previste sono le seguenti: sabato 26 settembre, sabato 3 ottobre e sabato 10 ottobre. È importante riservare le date.

La coordinatrice di questa parte della campagna è Gina La Mantia: il suo compito è quello di visitare le sezioni per informare la nostra base sul progetto e cercare i volontari. Gina è già in contatto con molti persone ed è disponibile a partecipare agli incontri sezionali, siano riunioni di gruppo, assemblee, grigliate, aperitivi. Le occasioni di incontro possono essere annunciate direttamente a gina@ginalamantia.ch o allo 079 219 05 75 per mettersi d’accordo.

Il modulo per l’iscrizione agli eventi di mobilitazione telefonica è disponibile on line.