Exten: sosteniamo chi sciopera!

Alla Exten si è riaperto il contenzioso sindacale: sciopero, picchetti, crumiri. Infatti il capodelegazione dei lavoratori è stato licenziato con un pretesto. Per cosa? 2’350 franchi lordi di stipendio. Il voto di domenica scorsa, che chiede il rispetto per la dignità del lavoro, non è servito a niente?

Il granconsigliere Raoul Ghisletta chiede chiarimenti al Governo attraverso un’interpellanza. È normale che sul luogo dello sciopero sia presente anche la Polizia? È normale che il padronato recluti lavoratori interinali per rompere lo sciopero? È possibile che si paghino salari da 2’350 franchi a tempo pieno?

In questo momento è in corso una seduta di conciliazione a Bellinzona con la presenza del Consigliere di Stato Christian Vitta. Non sappiamo come finirà la trattativa. In ogni caso, vi invitiamo ad andare alla Exten a Mendrisio oggi (venerdì) pomeriggio verso le 17, se non siete già lì. Se le negoziazioni non finiscono positivamente oggi, domani mattina faremo un presidio davanti alla fabbrica, con ritrovo alle 10.30.

Lotta e solidarietà con i lavoratori e con le lavoratrici della Exten.